Buon 10° compleanno Balon Mundial!

10° anno. 32 nazionalità rappresentate (Africa 13 – Asia 5 – Europa 5 – Sud America 9), 38 squadre maschili e 11 femminili, più di 1000 giocatori e 100 partite.

Ricominciare dai numeri per rappresentare la decima edizione di Balon Mundial e la capacità del gioco del calcio di far interagire culture diverse e ricordare il motivo per cui la manifestazione stessa è nata: favorire la crescita multiculturale della città di Torino attraverso lo sport e mostrare come le diversità siano una ricchezza.

Facendo il punto della parte sportiva, ad aggiudicarsi la vittoria finale dopo due combattutissime finali, sono state l’Italia nel calcio a 5 femminile e il Camerun per il torneo di calcio a 11 maschile.

#calcioa5femminile Italia vs Politecnico Team

Le ragazze guidate dal mister Paolo Peschiera difendevano il titolo ma per la prima volta partivano da sfavorite, sopratutto a causa del forfait del portiere titolare.
Le ragazze del Politecnico Team, supportate da un gruppo di scatenati tifosi, scendevano in campo doppiamente motivate dal voler conquistare il titolo per la prima volta e sopratutto per permettere alla loro capitana Mayerlin Gonzalez di alzare la coppa prima di salutare le compagne di squadra per iniziare una nuova avventura professionale in Spagna.

Una finale che ha visto protagonista proprio la portiera del Politecnico Team che ha tenuto accesa la speranza delle ragazze in divisa gialla di recupera il goal subito subito dopo i primi minuti. Ma la maggiore esperienza delle ragazze italiane e la presenza tra le giocatrici azzurre della miglior giocatrice del torneo, Francesca Toffetti, hanno riconfermato il titolo alla formazione italiana.

#calcioa11maschile Camerun vs Bolivia

“Noi eravamo come il Portogallo agli Europei e per un soffio non abbiamo vinto come loro” è la dichiarazione rilasciata nel dopo partita dal mister della Bolivia al termine della finale persa con la selezione del Camerun. Un paragone forse più coerente se paragonata all’Islanda, visto il piccolo numero di residenti appartenenti alla comunità boliviana a Torino ma che non ha fermato i ragazzi in divisa verde che sono stati la grande sorpresa della 10° edizione di Balon Mundial.

Dati per sfavoriti addirittura nel passaggio del turno di qualificazioni sono stati trascinati dal loro portiere esperto portiere, Pinto Sejas Emile, detto “el Conejo”, alla finale di Balon Mundial affrontata senza timori con i quotati ragazzi del Camerun che per la quarta volta consecutiva accedevano alle fasi finali allo Stadio Primo Nebiolo senza aver mai però alzato la coppa.

Una partita che a differenza dei pronostici si è rivelata equilibrata con occasioni da entrambi le parti per segnare quel goal decisivo che infine a pochi minuti dal termine, è stato segnato da Ousseyno Sokhna, camerunense e capocannoniere del torneo.

Un sogno sfumato per la formazione boliviana, una delle fondatrici del torneo 10 anni fa e che per la prima volta si giocava una finale. Una grande festa per la selezione camerunense, sostenuta sugli spalti dai tifosi di tutte le formazioni africane. Formazione Camerunense che al termine del torneo da incetta di premi, alzando la Coppa di Balon Mundial, il premio per il capocannoniere del torneo al sopracitato Ousseyno Sokhna e l’ambito premio del miglior giocatore a a Bamba Farras, autore di goal spettacolari e autentico funambolo sul terreno di gioco.

Passiamo ora agli altri premi cominciando da quello a cui teniamo di più: il premio che celebra la squadra che meglio ha rappresentato i valori dello sport di Balon Mundial.  Il premio “Carta Etica” quest’anno viene alzato dalle ragazze dell’AVIS Give me five – Torino, squadra progetto che oltre a sostenere l’importanza della donazione del sangue con le proprie attività sportive raccoglie fondi per altre realtà associative impegnate nel terzo settore. L’ Avis Give Me Five a Balon Mundial si è distinta non solo per il fair play in campo ma anche per aver sposato in pieno i valori del torneo, diventato una squadra di giocatrici e un team di volontarie!

Il premio miglior dirigente del calcio a 5 femminile va a Massimo Toniato dell’Ecuador, per aver trascinato la formazione femminile dell’Ecuador fino al quarto posto mostrando contemporaneamente competenza, grinta e correttezza.

Il premio miglior dirigente maschile a Malang Sadio, giovane rifugiato capace di divenire leader di una squadra di pari età richiedenti asilo e rifugiati come lui e di trascinarla fino ai quarti di finale con il Brasile, sotto l’ala del fair play e della correttezza.

1 classificato femminile : Italia

1 classificato maschile: Camerun

2 classificato femminile: Politecnico Team

2 classificato maschile  : Bolivia

3 classificato femminile: Khorakhanè

3 classificato maschile: Survivor – Brasile

4 classificato femminile: Ecuador

Squadra carta etica: Avis Give me Five – Torino

Miglior giocatrice femminile:

Francesca Toffetti – Italia

Miglior giocatore maschile:

Bamba Farras – Camerun

Capocannoniere femminile:

Lucia Biagiolo – Politecnico Team

Capocannoniere maschile:

Ousseyno Sokhna – Camerun

Miglior portiere femminile:

Mayerlin Gonzalez – Politecnico Team

Miglior Portiere maschile:

Pinto Sejas Emile – Bolivia

Miglior dirigente femminile:

Massimo Tomiato – Ecuador

Miglior dirigente maschile:

Malang Sadio – Cuori d’Aquila

Osservatori attenti da bordo campo l’Assessora alle Pari Opportunità della Regione Piemonte Monica Cerutti, Patrizia Alfano Presidentessa di UISP Torino e Alessandro Pinto direttore generale di SAVE THE DREAM fondazione internazionale con sede a Doha impegnata nella diffusione e nella tutela dei valori positivi dello sport e sostenitrice della decima edizione di Balon Mundial e Amajou Abderrahmane, referente delle comunità migranti in Italia per Slow Food e partner del progetto Sapori Migranti in partnership con l’A.S.D. Balon Mundial ONLUS.
Assenti fisicamente ma presenti con il cuore, la sindaco di Torino Chiara Appendino e Alessandro del Piero che ci hanno mandato un tweet di supporto!

Balon mundial, entrato nel network internazionale Streetfootball World, chiude l’edizione 2016 con il lancio della campagna antisessista, con la promessa da parte degli organizzatori di aumentare gli spazi dedicati alla cultura all’interno del torneo, come il progetto Food Mundial, progetto di cucina etnica che ha accompagnato i week end alla Colletta e le esibizioni delle danze etniche che hanno accompagnato la giornata finale! Balon Mundial infatti non è solo un torneo di calcio, è un luogo di incontro tra culture e persone!

‎Ballo‬ peruviano : La marinera

L’associazione ARI che insieme alle diverse accademie di Marinera di Torino presentano il proprio ballo tradizionale praticato in tutto il Perù dove acquisisce caratteristiche regionali. Si tratta di una danza di corteggiamento dove l’uomo trasportato dall’allegria della melodia segue la donna e la sua eleganza, marcata dal movimento del tipico fazzoletto!

‎Ballo‬ brasiliano: Chicabum e Carimbò
Il gruppo folcloristico del Brasile Flor de Cheiro formato da donne lavoratrici brasiliane che si riuniscono settimanalmente per provare delle danze tradizionali da proporre al pubblico italiano per far conoscere parte del loro folklore!
Chicabum‬ è un ballo brasiliano conosciuto in tutto il paese durante il quale si indossano splendidi costumi abbelliti da copricapi adornati da frutti tropicali

‎Carimbò‬ proviene del Belem do Para, una parola sola per esprimere un ritmo, una danza, un rituale. Il suo nome, in Tupi si riferisce al tamburi di legno su cui si batte il ritmo, una musica che parla di vita dei campi e di lavoro manuale, in cui i movimenti si fanno leggeri e delicati.

Chiudiamo Balon Mundial 2016 con la sfida di coinvolgere sempre più pubblico italiano, e non, durante tutta la prossima undicesima edizione.

Grazie a tutti e tutte per esserci stati con grinta ed entusiasmo!

Buon decimo compleanno Balon Mundial!

1 commento

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] Marinera, ballata anche alle finali di Balon Mundial 2016, è una danza di corteggiamento in cui l’uomo trasportato dall’allegria della melodia segue la […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia una risposta