Tacchi a spillo e pallone

Una breve riflessione sul sessismo nello sport

Da sempre Balon Mundial si batte contro le discriminazioni che siano di etnia, religione o genere. Oggi lasciamo spazio alla riflessione di Elena sul sessismo nello sport.

Un vecchio indovinello antropologico si interrogava: il nostro vivere è determinato da ciò che pensiamo, o il nostro pensiero è determinato da ciò che viviamo?
Oggi siamo circondati da un flusso di notizie e linguaggi che corrono veloci, spesso ci sfuggono. Se siamo fortunati ci rimane solo il tempo di assorbirli ma lentamente appiattiscono il nostro spirito critico.
Sulle prime pagine dei giornali sportivi troviamo titoli come: “La nazionale di basket conquista il secondo posto”.
Messaggio chiaro? Si, per molti è chiaro che il titolo alluda alla nazionale maschile. Diamo per scontato non solo che il giornalista non sia tenuto a distinguere le nazionali, ma che sia obbligato invece a specificare il genere solo quando si parla della nazionale femminile.

Avete mai notato che nelle didascalie sotto le foto di atlete spesso si specifica l’età? Di molti lo stupore che la campionessa di tennis Roberta Vinci alla sua “veneranda età” abbia vinto contro la Williams agli Us Open. Mentre più spesso nello sport maschile il giocatore over 35 viene definito “giocatore d’esperienza”.

“La ragione principale della persistenza di questi pregiudizi, però, va individuata appunto nella scarsa consapevolezza di chi, questi discorsi, li produce. I media sportivi restano infatti per lo più un dominio quasi esclusivamente maschile, spesso in mano a uomini che non si (pre)occupano di questioni di genere. Accanto ad articoli neutri o attenti a non produrre discriminazioni, continuano così a proliferare discorsi che dedicano un’attenzione indebita e sessualmente connotata ai corpi delle atlete (cosa che si produce in maniera minore e comunque molto diversa per quanto riguarda gli atleti uomini), e discorsi che, marcando il genere femminile delle atlete, rappresentano e interpretano in maniera diversa un comportamento per il fatto che questo è compiuto da una donna invece che da un uomo, influenzando pesantemente la rappresentazione delle atlete e quindi il nostro modo di pensarle.” (Oh Do Shut Up Dear! Gli stereotipi sessisti nei media sportivi, Softrevolution)

D’altra parte se il Presidente della Figc, Carlo Tavecchio emerso agli onori alla cronaca per le sue dichiarazioni inappropriate, dichiarò: “si pensava che le donne fossero handicappate rispetto al maschio, ma abbiamo riscontrato che sono molto simili“. Non possiamo pensare che il linguaggio non lanci messaggi forti.

Molti nemmeno si accorgono di uscite spiacevoli, o della simbologia che sta dietro a tante “battute”.
Possiamo singolarmente e quotidianamente contrastare messaggi sessisti, lo diciamo alla luce di una manifestazione (Women’s March), svoltasi pochi giorni fa, che ha coinvolto milioni di donne in tutto il mondo scese in piazza per far sentire la propria voce e difendere i diritti delle donne come diritti umani. Ma lo possiamo fare anche in gesti molto più piccoli, come non stupirci se vediamo una ragazza giocare a calcio, o se “addirittura” è in grado di fare cinque palleggi consecutivi. Oppure non aggiungendo quando si parla di sport, aggettivi sul lato estetico dell’atleta, come se per descriverne meglio e in maniera più completa le competenze sportive sia importante sapere se è bionda o bruna.

Elena Bonato

Uefa foundation for children_banner

Con UEFA Foundation For Children per i rifugiati e richiedenti asilo

Il 2016 è stato l’anno della decima edizione di Balon Mundial. Un momento storico che verrà ricordato anche per due pietre miliari che sono state inserite nella storia della nostra Associazione: il nostro ingresso ufficiale nel network di Street Football World e il supporto della UEFA Foundation For Children all’interno del piano internazionale “refugee support programme”.

Dal 2012, anno della nascita ufficiale dell’A.S.D. Balon Mundial ONLUS, rispondendo in modo spontaneo a una richiesta che emergeva forte dal tessuto sociale della città, abbiamo organizzato attività che hanno coinvolto un numero sempre crescente di rifugiati e richiedenti asilo presenti sul nostro territorio.

Il percorso dei Cuori d’Aquila, gli allenamenti aperti al campo dell’Oxilia ci hanno dato la possibilità di incontrare attraverso il calcio tantissimi ragazzi, che grazie al calcio hanno anche e sopratutto trovato nuovi amici, ricevuto aiuto per la difficile situazione  di vita, iniziato un percorso all’interno dell’Associazione che li ha portati a diventare soci, volontari e un punto di riferimento per la propria comunità. Un percorso che è stato arricchente da entrambe le parti e da questa esperienza sono nate nuove squadre che hanno partecipato al torneo Balon Mundial (ben 10 dal 2012 ad oggi!).

Consapevoli che la domanda di calcio è tanta, abbiamo accettato con piacere la sfida di provare a partecipare al bando internazionale lanciato dalla UEFA for Children Foundation dedicato alle associazioni del network Street Football World (capite l’importanza di entrare in questo bellissimo network!) per la creazione di programmi che facilitino l’inserimento nel tessuto sociale di rifugiati e richiedenti asilo attraverso il calcio.

Uefa foundation for children_banner

Vincere e diventare uno dei 15 progetti europei -l’unico italiano- supportati dalla Fondazione è stata una soddisfazione enorme, soprattutto perché il progetto presentato chiedeva di supportarci per la realizzazione di Balon Mundial 2016 ma anche di iniziare un percorso per migliorare il torneo. Un riconoscimento ai 10 anni di attività svolti da Balon Mundial nel far incontrare, generare, crescere le relazioni all’interno e tra le comunità di migranti residenti a Torino.

La seconda attività proposta sarà la grande novità del 2017: un torneo sul format di Balon Mundial ma dedicato ai progetti di accoglienza di Torino. Un modo per offrire calcio, ma in realtà per raggiungere i richiedenti asilo e rifugiati del territorio, creare nuove relazioni dentro e fuori dal campo, far ricongiungere i nuovi arrivati con la comunità residente o crearne di nuove.

Dal 2012 anno in cui abbiamo iniziato a conoscere i ragazzi giunti a Torino e ospitati dai progetti di accoglienza, ci siamo resi conto di quanto fosse importante per loro partecipare a delle attività che prima di tutto permettessero ai ragazzi di fare qualcosa che gli piacesse davvero, un campo nel quale sperimentarsi e divertirsi senza pensieri, una attività nel quale essere prima di tutto un ragazzo giovane che sta facendo la cosa che più gli piace: giocare a calcio.

Allo stesso tempo  ci siamo focalizzati sulle capacità educative del gioco del calcio e sulla forza nel far emergere altre competenze, fondamentali nell’inserimento sul nuovo territorio. Puntualità, lavoro di gruppo, lingua, comunicazione, apprendimento, rispetto, capacità organizzative, fair play. Sono questi i valori  e le competenze che proveremo a sviluppare con il torneo che organizzeremo tra aprile e maggio grazie al contributo di UEFA for Children Foundation e sono anche i valori fondanti della nostra associazione.

Seguiteci per i prossimi aggiornamenti, a breve il calendario e il luogo del torneo!

Thanks to Street Football World e UEFA  for Children Foundation per il supporto. Siamo veramente orgogliosi e grati di essere gli unici rappresentati italiani della comunità del #football4good !

Tommaso Pozzato

balonmundial_quote

Buon 2017

4 Gennaio 2017

Come ad ogni inizio si tirano le somme del periodo precedente e si scrivono i buoni propositi. Il 2016 per l’A.S.D. Balon Mundial ONLUS è stato un anno importante;

Importante innanzitutto perché c’era la sfida dell’organizzare la decima edizione del torneo Balon Mundial mentre oltre all’elezione del direttivo cambiavano anche ruoli e impegni delle persone che portano avanti i progetti dell’associazione;

Importante perché dopo quattro anni siamo finalmente  diventati membri di Street Football World e siamo stati l’unica delegazione italiana a partecipare al Football Festival 2016 a Lione, evento ufficiale di EURO UEFA 2016 dedicato al Football4good;

Importante perché abbiamo vinto il bando Uefa For Children  che ci permette di iniziare un percorso di monitoraggio e valutazione del torneo, sempre con l’obiettivo di migliorarci;

Importante perché è stata scritta la prima ricerca sulla leadership all’interno delle comunità di Balon Mundial;

Importante perché grazie alla collaborazione con Slow Food non solo abbiamo raccontato il Food Mundial nei banner di Sapori Migranti abbiamo anche partecipato a Salone del Gusto-Terra Madre co-organizzando un evento di danze e food;

Importante perché anche Alessandro del Piero ci sostiene;

Importante perché abbiamo portato Street Mundial dopo la prima volta all’estero nel 2015 a Berlino anche a CreativAfrica con il campione italiano di Street Football Michele Amerio Donà;

Importante perché siamo stati tappa del progetto AltriEuropei;

Importante perché abbiamo conosciuto tante persone meravigliose che vorremmo ringraziare una per una in particolare Baba, GabrieleChiaraAntonioAntenisca per le interviste e gli articoli per il sito, Yuri per la formula matematica che presto vi dimostreremo, Chiara per aver dato una mano alla grafica per l’album 2016,  Adrian, Alina, Alouine, Amer, Andrea, Carmi, Cedric, Chiara, Chiara, Chiara, Francesco, Francesca, Ilaria, Ilaria, Jolanda, Kabir, Lester, Maddalena, Marco, Marco Molino, Mario, Maribel, Matilde, Maura, Miriana, Moamen, Roxana, Simone, Valeria. Senza i fantastici volontari 2016 di Giovani per Torino, che ci hanno aiutato nella gestione delle 47 squadre e delle oltre 100 partite del torneo Balon Mundial, sarebbe stato tutto di sicuro meno divertente;

Importante perché è stato bello vedere nelle interviste fatte da Antenisca, che il nostro concentrarci sul fair play e sulla carta etica di Balon Mundial dia dei frutti;

Importante perché chi lo ha conosciuto quest’anno per la prima volta ne ha parlato in un modo che ci ha fatto provare commozionegioia e orgoglio;

Importante perché oltre alle uova di Pasqua come forma di sostegno e di autofinanziamento nasce anche il merchandising (presto online in Sostienici);

Importante perché abbiamo organizzato con Officine Corsare l’appuntamento primaverile Si yo fuera Maradona, incontri per parlare di calcio e aspetti sociali culturali e politici con esperti (ringraziamo ancora Gianni Mura, il prof Cepernich, Ugo Zamburro, Cecilia Nessi, Stefano Rosso e ricordiamo le risate con Calciatori Brutti)

Importante perché siamo stati di nuovo in tv 😉 a Quelli che il Calcio;

Importante perché abbiamo vinto un bando che ci permette di fare il Football3 nelle scuole per due anni;

Importante per il lancio della campagna antisessista sulle regole del calcio spiegate delle giocatrici di Balon Mundial in 4 video sul nostro canale YouTube. Perché lo sport è per tutti e tutte.

balonmundial_quote

Insomma è stato un anno intenso, e tutto questo è stato possibile grazie a moltissime persone, (di cui la maggior parte probabilmente ci ricorderemo solo dopo di non aver citato). Ma iniziamo, in primo luogo all’onnipresente Tommaso per dare la priorità a Balon Mundial prima di qualsiasi altra cosa, al direttivo con Luca (anima sportiva, problem solver di Balon Mundial e ovviamente vicepresidente) e Francisco (che con il suo occhio da giocatore e da esperto consigliere ha messo un po’ di ordine ed entusiasmo), Elena che si è trasferita a Torino perché crede in Balon Mundial, Claudia che ha trovato la sua strada, Federica per riuscire ad organizzare gli eventi del Food e i rapporti con il torneo femminile anche a distanza, a Daniele perché i suoi consigli stanno piano piano professionalizzando il lavoro di tutta l’Associazione, a Jacopo per il suo occhio capace di catturare le cose belle di Balon Mundial, a Davide Moratti perchè anche da lontano vuole sempre il meglio per Balon Mundial, a Davide Gandolfi per la saggezza dei suoi consigli, a Matteo Salvai per essere il presidente onorario più benvoluto di sempre, alla Khorakhané che si sono associate a Balon Mundial e alle nuove squadre del nuove progetto di Balon Mundial di cui vi sveleremo presto maggiori dettagli, ai compagni di gruppo di Irene al corso sul Fundraising per aver messo il cuore nel progetto su come sostenere Balon Mundial, a tutti e tutte gli arbitri, i dirigenti e i giocatori.

Un ringraziamento particolare a Francisco e Irene, a Charles ed Elisabetta, neo papa e mamma, che per la prima volta ci hanno fatto riflettere che stiamo lavorando per costruire un mondo migliore attraverso il calcio non per noi, ma per le generazioni future che verrano e che sono appena arrivate.

In un anno di cambiamenti un grazie a tutti coloro che negli ultimi cinque anni sono stati al nostro fianco, a chi continuerà a farlo e a chi ci conoscerà e apprezzerà il nostro lavoro.

Un grazie alla U.I.S.P. Che si sta avviando a un piccolo grande cambiamento ma che continua ad essere al nostro fianco per realizzare il motto sport per tutti.

Spero anche grazie a me per cercare di raccontare tutta la fatica e la passione che c’è dietro a questa meravigliosa associazione di cui sono fiera di essere socia.

Buon 2017 a tutti e tutte, da tutto lo staff di Balon Mundial

Irene Pepe