Foto: Volleynews

Quando l’unico vero handicap è il pregiudizio

Anni fa, per una gita, prenotai un viaggio con BlaBlaCar. Alla guida, tale Loredana. Ci scambiamo i numeri di telefono per accordarci sul luogo del ritrovo e lei mi chiede gentilmente se possiamo comunicare via sms. Lì per lì non ci faccio caso. La incontro e scambiamo le chiacchiere di rito. Appena partite, mi spiega di avermi chiesto degli sms perché “Sai, sono un po’ sorda”. Cioè, proprio non-udente. WUT?? [Il pregiudizio si insinua sibilando: un handicap di questo genere può permetterti di guidare al meglio? Ma vedendo la sua totale scioltezza al volante, mi tranquillizzo.] Conversiamo come meglio riusciamo, perché lei parla fluentemente, ma per capire ciò che dico ha bisogno di vedermi in volto. Inizia a raccontarmi della sua vita, poi mi avvisa che a metà strada saliranno a bordo altre due ragazze, pallavoliste, perché stanno andando a sostenere una loro compagna di Nazionale (!) in un match di Campionato. Nazionale? Eh sì.

Loredana era (è?) nello staff tecnico della Nazionale italiana volley femminile sorde. Mi spalmo volentieri sul cruscotto perché possa guardarmi bene, mentre la tempesto di domande! Wow! Esiste lo sport per sordi! Ma sì, ovvio, lo realizzo da sola: nel #volley (e non solo), fondamentale è chiamare la palla, gli schemi. E da non-udente, devi usare altri stratagemmi. Recuperiamo le ragazze (dettaglio non determinante ai fini del racconto: due Cuori con la C in CAPS LOCK 💙💙).

E parte una danza curiosa, dove io un po’ mi rivolgo verso i sedili posteriori, un po’ mi ri-spiaccico sul cruscotto, un po’ cerco di capire ciò che si dicono in #LIStramite lo specchietto retrovisore. Uno dei viaggi più divertenti (vista la compagnia) e interessanti (viste le circostanze) che io ricordi. Giunta a destinazione le saluto, augurando loro un sincero “In bocca al lupo” per tutto.


In questi giorni scopro che quelle amabili fanciulle stanno lottando per salire sul tetto più alto che ci sia. 🏆
Se potete, seguitele qui in diretta, dalle ore 14:00.https://www.youtube.com/channel/UC4F_NB0NgMfExUZIizCPBmA
#deaflympics #yeswecan #azzurre


La sordità non impedisce di guidare, ne’ di giocarsi un oro olimpico. La stupidità dei preconcetti, invece, ti rende sordo, cieco ed impacciato.

Daje, regà: prendetevi TUTTO.

Gemma Grimoldi