3 news bm2018-01

3 novità per partecipare a BALON MUNDIAL 18

3 news bm2018-01

In questo articolo cercheremo di essere sintetici e potete trovare maggio dettagli su tutte le novità nei link di approfondimento!

  1. REQUISITI NUOVO PER PARTECIPARE A FOOTBALL COMMUNITIES E BALON MUNDIAL
  • Necessario pre-iscriversi a BALON MUNDIAL 2018 e a FOOTBALL COMMUNITIES. L’invio della manifestazione di interesse non garantisce la partecipazione al torneo ma è una pre-iscrizione necessaria all’organizzazione per pianificare le fasi successive.Per presentare la propria candidatura è necessario compilare QUESTO MODULO oppure inviare una mail a info@balonmundial.it indicando come oggetto MANIFESTAZIONE DI INTERESSE BALON MUNDIAL 2018 e nella mail:
    • Nome e Cognome
    • Squadra Nazionale che si vuole iscrivere
    • Maschile/Femminile
    • Numero di Telefono
    • Email
    • Disponibilità a partecipare ai corsi obbligatori
  • Non saranno iscritte squadre senza un FANS MEDIATOR formato e certificato né a Football Communities né a Balon Mundial 2018.
    I dirigenti delle squadre scelti come Fans Mediator che vorranno partecipare a Balon Mundial 2018 e a Football Communities dovranno OBBLIGATORIAMENTE partecipare a due momenti formativi prima dell’inizio del torneo.
    Il/i rappresentante/i che parteciperanno ai corsi dovranno compilare un apposito modulo. Il Fans Mediator dovrà essere presente ad ogni partita della propria squadra pena la perdita di punti nella classifica disciplina o altra sanzione come da regolamento che verrà pubblicato.
  • Nasce il FAIR PLAY TEAM: un’opportunità di applicare la carta etica ad ogni singola partita. Il Fair Play Team costituirà la Commissione Disciplinare che valuterà i referti degli arbitri ma soprattutto i comportamenti delle squadre in campo nei nostri tornei. Attorno ai nostri campi i volontari devono poter saper leggere la partita e intervenire per sospendere, mitigare, segnalare all’arbitro tutti quei comportamenti che allontanano il gioco dall’essere corretto e lontano dallo spirito di Balon Mundial. Per fare parte del gruppo di volontari e volontarie che si occuperà di diffondere e difendere campo i valori delle differenze e del fair play COMPILA QUESTO MODULO.

Per info contattateci a info@balonmundial.it

1 weekend di #BM2016

Chi sono i FANS MEDIATOR?

“Promuove una cultura del tifo sano e rispettoso degli avversari e degli arbitri”.

Art.3 Carta Etica dello sport di Balon Mundial

“Promuove in modo attivo tra giocatori e supporter il valore della regola e del rispetto quale fondamento della convivenza e del vivere positivamente nella collettività”

Art.6 Carta Etica dello sport di Balon Mundial

Balon Mundial è il torneo delle comunità migranti e chi è già venuto a vedere le nostre partite sa che il pubblico attorno campi è numeroso, acceso, colorato e rumoroso: come tutte le feste che si rispettino e noi pensiamo che il Balon Mundial sia un po’ la festa del calcio migrante e di tutti coloro che lo supportano. Il calcio di Balon Mundial vuole essere un momento di incontro tra le comunità dentro e fuori dal campo e quindi anche negli spazi del tifo devono essere rispettati i principi etici della manifestazione.

Con questo obiettivo abbiamo deciso di introdurre la figura del Fans Mediator. Il Fans Mediator si occuperà di trasmettere i valori della manifestazione al pubblico e di rafforzarne il legame con la squadra. Tutte le squadre che parteciperanno a Football Communities e a Balon Mundial dovranno obbligatoriamente avere un Fans Mediator per partecipare alle manifestazioni e presente alle partite.

Il Fans Mediator seguirà un percorso formativo obbligatorio sui valori di Balon Mundial, un corso sulla discriminazione nello sport e uno sulla non violenza nello sport e sarà il punto di riferimento e di raccordo tra i volontari, gli organizzatori e il pubblico attorno ai campi.

Il Fans Mediator è un ulteriore passo in avanti per la promozione e il perseguimento dei valori e dello spirito del gioco di Balon Mundial, un ulteriore passo di partecipazione attiva e responsabilità per le comunità nonché un’applicazione della Carta Etica dello Sport di Balon Mundial.

 

A seguire le date della Formazione sono divise tra i FANS MEDIATOR per Football Communities e per Balon Mundial. 

Ci saranno anche gli eventi su FACEBOOK per non dimenticarselo!

 

Fans Mediator Football Communities:

corso discriminazione nello sport: 26 Febbraio 2018 h. 19.00-23.00 presso l’impianto sportivo Massari in Via Massari 114-116, Torino

corso contro la violenza nello sport: seconda metà di marzo

 

Fans Mediator Balon Mundial:

corso discriminazione nello sport: 27 Febbraio 2018 h. 19.00-23.00  presso l’impianto sportivo Massari in Via Massari 114-116, Torino

corso contro la violenza nello sport: seconda metà di marzo

 

Come iscriversi alle date di formazione?

Compilando i moduli linkati a seguire:

  • Fans Mediator per Football Communities
  • Fans Mediator per Balon Mundial

FAQ

Che cosa succede se il fan mediator della mia squadra non viene alla partita? -> Penalità

Il fan mediator può entrare in campo?

Quante persone possono partecipare ai corsi di formazione?

il corso è gratuito?

il corso rilascia un attestato?

Da chi sono tenuti i corsi?

 

Si rimanda all’articolo regolamento per le sanzioni per la squadra nel caso di comportamenti non corretti del pubblico.

Stretta di mano

Nasce il FAIR PLAY TEAM

Da sempre crediamo che il calcio sia un vettore di valori positivi, accogliente, multiculturale e un momento di emozione e piacere e il Fair Play Team sarà l’alfiere di questi valori cuore di Balon Mundial.

Perché il Fair play Team?

Razzismo e violenza non sono ammessi nei nostri campi e i ragazzi e le ragazze del Fair Play Team si occuperanno di diffondere e difendere campo i valori delle differenze e del fair play.

Attorno ai nostri campi i volontari devono poter saper leggere la partita e intervenire per sospendere, mitigare, segnalare all’arbitro tutti quei comportamenti che allontanano il gioco dall’essere corretto e lontano dallo spirito di Balon Mundial.

Qual è l’idea del Fair play team?

Vogliamo provare a migliorare il calcio di Balon Mundial. Per noi il calcio è gioia, incontro, sfida e conoscenza con tutti e tutte e per tutti e tutte. Ma per giocare raggiungendo questi obiettivi dobbiamo provare a eliminare dal calcio discriminazione e violenza che impediscono di divertirsi, che trasformano il “giocare con” in “giocare contro”.

Con questa idea nasce il Fair Play Team e la figura del Fair Play Mediator di Balon Mundial.

É un’idea nuova che costruiremo insieme, partendo da una base comune con la definizione di discriminazione nello sport e violenza nello sport per poi decidere insieme come intervenire durante e dopo le partite con incontri formativi prima dell’inizio di Football Communities e Balon Mundial, Coppa del Mondo delle Comunità migranti.

Il Fair Play Team costituirà la Commissione Disciplinare che valuterà i referti degli arbitri ma soprattutto i comportamenti delle squadre in campo nei nostri tornei.

Unisciti al fair play team se:

  • credi nel calcio pulito
  • vuoi eliminare violenza e razzismo dal calcio
  • vuoi promuovere un modello di calcio etico e multiculturale
  • se vuoi essere protagonista di Balon Mundial 2018 Coppa del Mondo delle Comunità migranti

Cosa offriamo:

  • corso di formazione sulla discriminazione nello sport (con certificazione regionale)
  • corso di formazione sulla lotta alla violenza nello sport
  • costruzione dei metodi di intervento del Fair Play Team

Cosa ti chiediamo:

  • di partecipare alla formazione (vedi articolo specifico ed eventi su Facebook)
  • di essere disponibile come Fair Play Mediator al torneo di Football Communities (indicativamente le domeniche tra aprile e maggio) e di Balon Mundial 2018 (indicativamente sabato o domenica tra giugno e luglio)
  • di diventare socio dell’A.S.D. Balon Mundial ONLUS

Come partecipare:

COMPILA il modulo di iscrizione

Per info contattaci a info@balonmundial.it

PARTNER:

Piemonte Contro le Discriminazioni della Regione Piemonte con IRES Piemonte, Fondazione Casa di Carità Arti e Mestieri, En A.I.P. Piemonte e UISP Torino.

carmagnola senza frontiere

Calcio d’inizio per Carmagnola senza Frontiere

Mancano poche ore e inizierà il primo allenamento dei carmagnolasenzafrontiere.

L’idea alla base di questo progetto è la creazione di una squadra carmagnolese di calcio per tutti capace di essere aperta e inclusiva per tutti, dove non saranno i meriti sportivi l’obiettivo ma la capacità di creare uno spazio di incontro per tutti gli appassionati di calcio delle comunità carmagnolesi.

Oggi sarà l’inizio di un percorso e di una nuova sfida ma l’entusiasmo è tanto.
Un grazie a tutti i partner che sostengono l’iniziativa e a RIA che con la donazione dei palloni ci permette di iniziare un nuovo progetto.

carmagnola senza frontiere palloni

MED

Balon Mundial al Pre MED 2017 (Mediterranean Dialogue)

Il MED (Mediterranean Dialogue) è una iniziativa internazionale promossa dal Ministero Italiano degli Affari Esteri insieme a ISPI per la creazione di una nuova agenda capace di affrontare le sfide che attendono i paesi e le regioni del Mediterraneo.

Save the Dream, partner di Balon Mundial nel 2015, ha coordinato Sport Nostrum, il pre Med panel meeting dedicato al mondo dello sport svoltosi a Roma il 29 novembre, nella sede che ha ospitato il Med nei giorni successivi.

L’invito a a partecipare è stato un riconoscimento prestigioso per la nostra associazione e il convegno un importante momento di confronto con attori internazionali del mondo dello sport for development e dell’industria del mondo dello sport.

Con grande sorpresa e un po’ di orgoglio, uno degli interventi, anche se indirettamente, ci ha visto protagonisti: Martino Roghi CSR di A.C. Milan e direttore di Fondazione Milan ha presentato Sport4Change, progetto di sport e inserimento lavorativo promosso e sviluppato in tutta Italia dalla Fondazione Milan ma basato sul progetto Lavoro di Squadra iniziativa promossa da Action Aid il cui progetto pilota nacque a Torino, insieme ad ASAI, UISP e Balon Mundial. Con grande piacere abbiamo visto il video di presentazione e Catia Pernigotto, case manager torinese e prestata ai servizi anche in terra milanese.

Sul palco si sono alternati speaker prestigiosi che guidano il mondo dello sport verso il suo riconoscimento sociale ed educativo prima di tutto, inserendo i valori e la forza di generare cambiamenti positivi dello sport all’interno delle politiche e delle agende internazionali per favorire il peacebuilding, i rapporti diplomatici tra paesi, l’inclusione sociale di richiedenti asilo e rifugiati.

MED

Con piacere abbiamo scoperto il lavoro che la il Comitato Olimpico Portoghese sta promuovendo per aprire il mondo dello sport anche ai rifugiati e richiedenti asilo, impegno che abbiamo chiesto direttamente anche a Fiona May, responsabile dell’Ufficio Integrazione della F.I.G.C., che ha accolto con impegno la nostra proposta.
Siamo riusciti a portare le nostre istanze al MED, proponendo uno sport che per essere accogliete deve essere aperto non solo dagli enti di promozione sportiva ma anche dalle Federazioni non solo a rifugiati e rifugiate, ma anche a tutti i richiedenti asilo in attesa della definizione del loro status che vivono in un limbo burocratico che spesso impedisce loro di accedere al mondo dello sport. Abbiamo infine chiesto che a livello europeo vengano sempre più riconosciuto il valore dello sport come strumento di sviluppo delle soft skills, quelle competenze trasversali che si imparano dentro un campo o un ring, ma che vengono poi utilizzate fuori per avere successo nella vita: costanza, puntualità, resilienza, che nella visione sportiva significa imparare dalle sconfitte i propri limiti per migliorarsi e raggiungere obiettivi sempre più grandi.

“Anche per Balon Mundial partecipare al MED è stata la definizione di un nuovo importante step, partecipare a una conferenza internazionale nella stessa sede prestigiosa che nei giorni successivi ha visto sfilare i ministri degli esteri dei paesi del Mediterraneo è stato un onore, ma anche un momento di consapevolezza: che il percorso che l’associazione sta seguendo deve essere maggiormente valorizzato non solo per chi partecipa direttamente alle nostre attività, ma in generale anche per promuovere nei nostri confini e a livelli internazionale lo sport per la sua capacità di creare impatto sociale. Ringraziamo Save the Dream per averci offerto questa opportunità, abbiamo raggiunto un nuovo traguardo dal quale ripartire verso nuove sfide”, commenta Tomamaso Pozzato, Presidente dell’A.S.D. Balon Mundial ONLUS dopo la partecipazione al Pre Med di Roma.

MED 2017

Uefa Foundation for Children _ divise Cuori d'aquila - materiale UEFA_17

Invito agli allenamenti dei Cuori d’Aquila

I Cuori d’Aquila sono il nostro refugee team.

Un mix di nazionalità, il calcio come incontro e di primo approccio culturale: la lingua italiana come collante, il rispetto della Carta etica di Balon Mundial come unico criterio di ingresso nella squadra. Nati nel 2011, i Cuori d’Aquila (leggi la pagina degli ex Hearts of Eagle) partecipano di diritto a Balon Mundial, si allenano una volta alla settimana e giocano amichevoli e triangolari. I ragazzi che più fanno loro i valori di Balon Mundial si inseriscono nelle altre squadre del progetto “Senza frontiere Football Club” che giocano i campionati.

 

F.A.Q.

Dove: via Nino Oxilia

Quando: lunedì ore 17.00 – 19.00

Chi: rifugiati, richiedenti asilo e aperto a tutti

Come: non c’è una selezione per meriti sportivi ma si entra in squadra se si condividono le regole del gruppo, del fair play e della carta etica.

La quota di partecipazione viene definita con ogni singolo giocatore a seconda delle disponibilità economiche.

Allenamenti: si Campionato: no

Scopri di più sul progetto SENZA FRONTIERE http://www.balonmundial.it/senzafront…

Football3 cologne 2017

Festival17 Football3 (Cologne, 14-18 settembre 2017)

Dal 14 al 18 settembre, si è tenuto a Colonia (Germania) il Festival17 del Football 3, organizzato dalla rete internazionale di Street Football World e ospitato dall’organizzazione tedesca di RheinFlanke.

Come chi ci segue ormai ricorda, il Football 3 è un gioco che si sviluppa in 3 fasi: 1) discussione e decisione delle regole; 2) partita; 3) discussione post-partita in cui vengono assegnati i punteggi. Ruota tutto attorno al concetto di fair play, che risulta decisivo anche nell’assegnazione dei punteggi finali.

Se non conoscete questo bellissimo sport, prendetevi un minuto per guardare il video sul football3-method  by Streetfootballworld oppure la sua versione integrale che spiega che cosa lo rende un gioco unico e alternativo.

Il programma dell’evento era così articolato:

Giorno 1: arrivo degli Young Leaders; Youth Forum e preparazione alle giornate successive.

Giorno 2: Preparazione dei workshop e esercitazioni sul football 3; arrivo delle delegazioni in giornata; visita alla città la sera.

Giorno 3: Workshop in mattinata condotti dagli Young Leaders; inizio torneo nel pomeriggio; presentazioni delle delegazioni la sera.

Giorno 4: Workshop e attività al mattino; conclusione torneo nel pomeriggio; cerimonia di chiusura e festa finale.

Giorno 5: breve riflessione tra Young Leaders e organizzatori sulle giornate precedenti; ritorno a casa.

A rappresentare Balon Mundial c’era Giulio, nella veste di Young Leader: compito degli Young Leader era quello di formarsi e discutere sulla metodologia e sulle regole del Football 3, e poi mediare gli incontri del torneo, al quale partecipavano delegazioni provenienti da tutta l’Europa formate da ragazzi e ragazze adolescenti, per un totale di circa 130 partecipanti.

Oltre al torneo, momento clou del festival, ci sono stati diversi momenti interessanti e formativi. Ad esempio, ogni delegazione presente ha fatto una presentazione del proprio paese, condita da immagini, video e, nei casi più originali, arricchita da una vera e propria esibizione coi costumi tradizionali del paese rappresentato.

Inoltre, diversi sono stati i workshop sui quali ci si è sperimentati: dall’head tennis (una specie di ping pong dove al posto della racchetta si usa la testa) alla ginnastica acrobatica, dal frisbee al calcio free style, dalla breakdance allo yoga.

E, infine, non sono mancati i momenti di divertimento, come la visita in città, il barbecue e la festa finale. Sarebbe comunque sbagliato definire solo questi come momenti divertenti, dal momento che dal primo all’ultimo istante c’è stato un clima di festa e un entusiasmo travolgente che ha caratterizzato tutto l’evento.

Significativa, a questo proposito, è la sintonia che si è creata nel gruppo degli Young Leader insieme agli organizzatori dell’evento, elemento fondamentale per la riuscita di quest’evento da cui ripartire per l’organizzazione dei prossimi.

Appuntamento quindi al prossimo Festival di Football 3 nel 2018!

 Football3 cologne 2017

Giulio Consoli

premiazione ETICA e SPORT 2017

Abbiamo ricevuto il Premio Europeo 2017 dell’Associazione Etica e Sport

Si è tenuta nel tardo pomeriggio dell’11 Dicembre presso il Circolo della Stampa Sporting la cerimonia di consegna dell’VIII Edizione del premio Rinaldo Bontempi e Maurizio Laudi lanciato dall’Associazione Etica e Sport e che ha visto come vincitore della III Edizione del “Premio Europeo” l’Associazione Balon Mundial.

In una giornata in cui è stata la neve a farla da padrona, l’Associazione Balon Mundial Onlus è stata insignita di questo importante riconoscimento per essersi distinta tra le realtà sportive a scopo sociale presenti nell’Area Metropolitana di Torino.

In una sala conferenze piena e di fronte ad importanti personalità dello sport torinese come il fotografo Alberto Ramella, l’Assessore Regionale allo Sport Giovanni Maria Ferraris e i due ex calciatori di Perugia e Torino Paolo Sollier e Renato Zaccarelli, è stata la Presidente di UISP Piemonte Patrizia Alfano a consegnare la targa al vice-presidente Luca Dalvit che ha poi ringraziato tutti coloro che hanno contribuito durante l’anno al raggiungimento di questo meritato traguardo e sottolineato l’importanza di Balon Mundial come punto di riferimento per tutte le comunità straniere e non della Città di Torino.

Luca Dalvit premio etica e sport

Nella speranza di poter continuare il percorso intrapreso anche grazie all’aiuto delle istituzioni, Luca Dalvit (nella foto) è stato raggiunto sul palco da una delegazione di ragazzi nigeriani (muniti di Coppa del Mondo) vincitori dell’ultima edizione di “Balon Mundial – La Coppa del Mondo delle Comunità Migranti”, da due ragazzi del Gambia, da alcuni dirigenti delle squadre partecipanti, dal resto dello staff e da alcuni volontari per ricevere gli applausi dei presenti in sala e per la consueta foto di rito.

Al termine della cerimonia tutto il pubblico è stato invitato a partecipare al ricco buffet organizzato dall’Associazione Etica e Sport, a coronare quella che è stata una giornata ricca di soddisfazioni.

Matteo Mastorci

Fotografie di Federica Schifano

Leggi anche l’articolo della UISP

premiazione ETICA e SPORT 2017

premio etica e sport 2017

Abbiamo vinto il premio Europeo Etica e Sport 2017!

Il Comitato Scientifico di Etica e Sport ha ritenuto di assegnare a Balon Mundial il Premio Europeo 2017!!

Oggi andremo a ritirare il premio conferito da Etica e Sport alle ore 18 nel salone del Circolo della Stampa – Sporting, in corso Giovanni Agnelli 45 a Torino per la VIII° Edizione del Premio “Rinaldo Bontempi e Maurizio Laudi” e la III° del Premio Europeo.
Partecipa all’evento!

premio etica e sport 2017 Etica e sport 2017

 

Football3 Cheek to Cheek tournament

Football3 Cheek to Cheek tournament

Domenica 5 novembre nemmeno la pioggia ci ha fermato!
Il torneo di football3, organizzato in collaborazione con Dance San Salvario è stato una festa dedicata al quartiere, alla sua vivacità, creatività e multiculturalità. Un evento diffuso, capace di coinvolgere le attività culturali e commerciali e le associazioni che hanno sede e operano nel territorio.

Nel video un piccolo assaggio di cos’è per noi il football3: prima di iniziare a giocare ci mettiamo d’accordo sulle regole da adottare nella partita.

Ringraziamo la disponibilità dell’oratorio S. Luigi e dei suoi educatori, e gli amici di Emporio San Salvario per averci invitato a partecipare con il nostro torneo di football3 a questa iniziativa che da anni rendere orgogliosa questa città!
 Football3 Cheek to Cheek tournament
Elena Bonato

 

Consoli Giulio  Mosca

Football and disability: il racconto delle nostre 3 giornate di incontri a Mosca

Football and disability: tre giornate di incontri a Mosca (17-19 ottobre 2017)
Consoli Giulio  Mosca
Dal 17 al 19 ottobre 2017, a Mosca, ha avuto luogo un evento all’interno del Football for Hope adidas Exchange Programme (FFHaEP) sul tema calcio e disabilità.
Tre giornate di incontri, workshop, condivisioni di esperienze e discussioni su come il calcio, e più in generale lo sport, si possa applicare ai soggetti disabili senza che questo rappresenti un problema. Piuttosto lo sport si pone come strumento in grado di permettere uno sviluppo di competenze non solo tecnico-motorie ma anche relazionali e sociali.
Rappresentanti di diverse organizzazioni provenienti da tutta l’Europa hanno preso parte a questo evento, ospitato e co-organizzato dal gruppo russo di Downside Up.
Il programma dell’evento prevedeva una parte teorica e di discussione alternata ad una parte pratica composta da workshop e attività sul campo.
La prima giornata è stata focalizzata sulle disabilità cosiddette sensoriali, come la cecità e la sordità, e ha visto la possibilità di provare sul campo esercizi di blind e deaf football, stimolando l’utilizzo di sensi e abilità che non siamo soliti usare, con risultati sorprendenti, soprattutto per la capacità di coinvolgimento di questi esercizi.
Nella seconda giornata è stata preparata una sessione di allenamento per ragazzi affetti dalla sindrome di Down, che sono arrivati poi al pomeriggio e hanno colorato e arricchito la nostra esperienza con impegno e divertimento. Inoltre in serata c’è stata anche l’occasione di una breve visita nella splendida Piazza Rossa con l’ausilio di una guida locale che ci ha fatto apprezzare, seppure in pillole, la storia e le bellezze di Mosca.
La terza giornata, più breve, si è chiusa con una discussione e un confronto finale su come migliorare le pratiche di allenamento e di inclusione per i diversi tipi di disabilità, dopo che molti dei partecipanti avevano presentato le loro esperienze nei propri paesi.
In sintesi, una bellissima esperienza, molto intensa, che ci ha arricchito e fornito di nuovi strumenti…speriamo di poter partecipare ad altri eventi come questo!
Giulio Consoli
Altre foto sul sito di StreetfootballWorld

Carmagnola senza frontiere

L’idea alla base di questo progetto è la creazione di una squadra carmagnolese di calcio per tutti capace di essere aperta e inclusiva per tutti, dove non saranno i meriti sportivi l’obiettivo ma la capacità di creare uno spazio di incontro per tutti gli appassionati di calcio delle comunità carmagnolesi.
La città di Carmagnola negli ultimi due anni ha visto l’ingresso di nuovi cittadini richiedenti asilo ma la sua storia è caratterizzata da nuovi cittadini che da diverse parti d’Italia e del mondo sono venuti a costruire un nuovo percorso di vita in questa Città.
Il calcio sarà utilizzato come strumento per favorire l’incontro tra tutti gli appassionati di calcio, con la garanzia che il calcio sarà la lingua universale che favorirà nuove conoscenze per costruire una squadra “senza frontiere” linguistiche, religiose, di provenienza.
La squadra si pone come obiettivo la partecipazione al campionato di calcio a 11 UISP, incontrandosi una volta alla settimana per una sessione di allenamento. Obiettivo finale sarà creare una squadra di comunità che faciliti la il processo di coesione di partecipazione dei cittadini tutti attraverso lo sport.
Il progetto rientra nel percorso “Senza Frontiere Football Club” lanciato nel 2012 dall’A.S.D. Balon Mundial ONLUS che riunisce le squadre che scendono in campo per condividere il metodo, i valori e gli obiettivi dell’associazione Balon Mundial.

Flyer-Carmagnola-BM