Una pallida domenica pomeriggio

Immaginate una domenica pomeriggio di gennaio cristallizzata da sferzate di aria gelida, ma addolcita al contempo dai raggi di un pallido sole.
Il ritrovo è un campo da calcio in terra dissestato da chissà quante corse dietro al pallone.
Ad accogliere me, Sara e Carmi, i mediatori volontari  del progetto Football3: il loro entusiasmo si respira a pieni polmoni e diventa così naturale affidarsi a loro per conoscere ciò in cui ci vogliono coinvolgere.
Insieme a noi, tanti ragazzi provenienti dai più svariati angoli di Africa, scalpitanti e desiderosi di giocare.
Tutti i colori del mondo si mischiano: non solo il colore della pelle, ma anche quelli sgargianti e pieni di vita delle divise, delle scarpe, dei calzettoni.
Tra sguardi incuriositi e sorrisi con un pizzico di imbarazzo, formiamo 4 squadre: noi ragazze facciamo parte di tre formazioni diverse, una contaminazione rosa assolutamente desiderata.
Siamo pronti per farci trasportare nel mondo del Football3.

Lo sport è già di per se una scuola di vita e il progetto Football3 non fa che marcare ulteriormente questo aspetto: FairPlay è la parola chiave.
Poche regole alla base di questa visione di gioco, tanto semplici quanto profonde.
Ogni formazione decide insieme il nome della propria squadra e in pochi secondi getta quindi le basi di quella che sarà un’identità comune, indipendentemente da tutto ciò che circonda il singolo. Si è squadra, si è gruppo e in quanto tale si concorda anche il modo in cui gioire dopo un goal e condividere quindi le emozioni in campo. Si decidono anche le regole di gioco: si è autorizzati ad andare fuori dagli schemi imposti, purché si vada nella stessa direzione. Portiere fisso o a rotazione? La rimessa laterale si batte con i piedi o con le mani? Il calcio d’angolo esiste o si trasforma in un semplice rinvio dal fondo? Nulla è deciso a priori, perché tutto si condivide.
Diffondere questo modo di vivere il gioco aiuta a migliorare la capacità di ascoltare l’altro, a focalizzare l’importanza del confronto, a compiacersi della ricchezza che porta il trovare un compromesso che unisca le differenti idee, a comprendere l’importanza del rispetto.
Una partita non si vince soltanto per differenza reti: se si fanno propri i valori del Football3 si vince qualcosa di molto più importante.

Noemi canterebbe “ho preso a calci il mio cuore perché aveva smesso di battere“, io prendo ispirazione da questa frase e penso che domenica, prendendo a calci un pallone, tanti cuori abbiano ripreso a battere.

 

Giulia Crabolu

Vice Capitano GiveMe5 AVIS Torino

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia una risposta