Call for trainer!

Cerchiamo una persona che voglia collaborare con noi all’interno di un progetto finanziato. Uno degli obiettivi sarà quello di aiutare a diffondere un metodo di calcio educativo, attraverso la produzione di una piattaforma con contenuti multimediali per dare la possibilità a chiunque fosse interessat* di formarsi da qualsiasi angolo del mondo!

Informazioni

Durata: il progetto, iniziato nel 2019 si chiuderà ad ottobre 2021.
Impegno: 20 ore settiminali

Requisiti:

Essendo un progetto in collaborazione con partner europei

  • Condividere i valori di A.S.D. Balon Mundial Onlus
  • parlare e scrivere inglese
  • produrre contenuti riguardo alla metodologia football3
  • disponibilità a viaggiare (due meeting all’anno)
  • disponibilità di tempo per incontri di persona di aggiornamento progetto (lettura contratto, budget, e documentazione inviata dal capofila)

Scrivici per candidarti!

13 + 3 =

FIFA Diversity Award 2019: vince l’inclusività!

Si è tenuta il 22 settembre a Milano la quarta edizione del FIFA Diversity Award, evento annuale dedicato all’inclusione sociale e al contrasto alle discriminazioni nel mondo del calcio.

Tre le associazioni finaliste: PlayOnSide, presente in Thailandia con progetti rivolti a profughi e migranti; Watoto Wasoka, che in Uganda aiuta i bambini di strada e crea un ponte con la scuola; Futbol Mas Foundacion, che in Cile, Equador, Haiti e molti altri paesi lavora sulle abilità di bambini e ragazzi costretti a vivere in situazioni di forte disagio. Alla fine, il riconoscimento è andato proprio a quest’ultima che – tramite il suo co-founder, Sergio Guerrero – ha ricordato quale impatto possa avere oggi il calcio e come possa essere utilizzato per favorire un positivo cambio di rotta.

La giornata ha visto l’assegnazione dei premi da parte di una giuria composta da 11 persone, tra cui arbitri, ex calciatori, calciatrici e personalità impegnate, nel proprio ambito di appartenenza, a dare un importante contributo in tema di diritti, tutela delle minoranze ed eguaglianza di genere.

Presso l’elegante Sala Verdi del Westin Palace Hotel, la cerimonia di premiazione ha rappresentato un momento utile per affrontare l’attuale tema del contrasto a ogni forma di discriminazione in ambito sportivo. Hanno partecipato alcuni dei maggiori promotori di progetti legati al mondo dell’inclusione sociale e, di conseguenza, Balon Mundial non poteva mancare a un evento così importante.

Si è parlato di omofobia, delle sostanziali differenze tra calcio maschile e femminile e di accessibilità negli stadi europei per le persone con disabilità. Tra le numerose testimonianze anche quella di Federico Addiechi, responsabile sostenibilità e diversità FIFA, che ha voluto sottolineare l’importanza per la FIFA del rispetto dei diritti umani ad ampio raggio e della prossima sfida dei Mondiali in Qatar.

In un periodo storico in cui, anche e soprattutto in Italia, vengono richiesti a gran voce interventi contro discriminazioni e razzismo, Balon Mundial condivide le iniziative che rispecchiano i valori di cui è portatrice, vale a dire aggregazione, diversità e partecipazione.

Mattia Ursetta

Linee guida contro il razzismo nel calcio

Fermiamo il razzismo negli stadi della serie A

C’è una strana relazione tra calcio e razzismo, tutti gli episodi di chiara discriminazione in campo vengono minimizzati o negati nella piena o quasi indifferenza delle istituzioni sportive. 

Noi vorremmo che tutti prendessero una posizione netta. Aiutateci a definire una lista di comportamenti chiara e vincolante per combattere le discriminazioni nel calcio!

 

  1. vorremmo che ogni giocatrice,giocatore, allenatrice, allenatore,  dirigente, presidente condanni ogni atto discriminatorio, durante e dopo la partita.
  2. vorremmo che tutte le giocatrici e tutti i giocatori in campo chiedano ai propri tifosi ed  alle proprie tifose di cessare immediatamente qualsiasi atto o comportamento discriminatorio fermando il gioco. 
  3. vorremmo che fossero le compagne e i compagni  di squadra della vittima di discriminazione a fermare il gioco e a chiedere la sospensione della partita.
  4. vorremmo che fossero anche le giocatrici e i giocatori della squadra avversaria della vittima di discriminazione a chiedere la sospensione della partita.
  5. vorremmo che la partita continuasse solo se ogni atto discriminatorio è terminato.
  6. vorremmo che la partita sia finalmente sospesa nel caso in cui gli atti discriminatori siano persistenti nonostante i richiami dello speaker.
  7. vorremmo che le presidenti,  i presidenti, le dirigenti e  i dirigenti della tifoseria che ha tenuto un comportamento discriminatorio condannino, senza se e senza ma, ogni atto pubblicamente.
  8. Vorremmo che le giocatrici, i giocatori, le allenatrici e gli allenatori, le presidenti e i presidenti di tutte le squadre si impegnino attivamente nel combattere il razzismo nel calcio, partecipando e sostenendo le iniziative a livello locale, nazionale e internazionale che si occupano di lotta al razzismo e alla discriminazione razziale.

 

Vuoi contribuire? Pensi che ci siano altri punti importanti? Si può fare qualcosa in più?

Scrivici!  info@balonmundial.it