Articoli

Luciana e i flor de cheiro

Aspettando Balon Mundial – Flor de Cheiro, i balli che combattono gli stereotipi

Sport e cultura  delle comunità di Balon Mundial dai campi direttamente a casa di tutti e tutte attraverso i social!

Il terzo appuntamento di Aspettando Balon Mundial Virtual ci farà viaggiare dalla patria del calcio, il Brasile, al Piemonte e la Puglia. Un viaggio che ci racconterà come il ballo può essere non solo divertimento ma un modo per raccontare la propria cultura. Intervista a Luciana e alle Flor de Cheiro ! 

Una città a vocazione industriale a due ore dal mare ma distante otto ore in bus dalla capitale dello Stato, ma non è Torino bensì Teòfilo Otoni, città brasiliana che ha dato i natali a Luciana, la protagonista della nostra intervista di questa settimana.
Gli amici e le amiche di Balon Mundial l’avranno sicuramente riconosciuta, per aiutarvi vi ricordiamo che durante il torneo è lei l’alfiere della cucina brasiliana agli stand di Food Mundial: “Balon Mundial per me oramai è come una famiglia, conosco voi – lo staff – , conosco tutti ma ogni anno riesco a creare nuove amicizie e assaggiare nuovi cibi dagli altri amici dello stand. Per me è tanto divertimento”.

Brasile e Italia, ci accomunano le differenze culturali

Ci sono più similitudini tra le due città che dividono il cuore di Luciana, Torino e Teòfilo Otoni che tra le diverse regioni del Brasile: solo stato\regione di Minas Gerais (il Brasile è una Repubblica Federale quindi principalmente suddivisa in Stati), la regione di provenienza di Luciana, ha un territorio pari a quello dell’Italia, l’intero Brasile è 28 volte più grande dell’Italia.
“Ma nonostante una grande diversità noi brasiliani siamo sempre conosciuti solo per il Carnevale invece abbiamo una grande varietà culturale, il nostro gruppo di ballo nasce per farla conoscere a tutti, in realtà anche a noi!”
Una forte caratterizzazione regionale capace di esprimere molta diversità , di nuovo non si capisce se stiamo parlando di Italia o Brasile “anche voi avete tanti balli folkroristici tipici di ogni regione, a me piace molto la pizzica, la sto imparando da una coppia italiana mentre io insegno i balli brasiliani”.

 

I “fiori profumati” conquistano i palcoscenici della Provincia.

Flor de Cheiro (ma si legge “sceiro”, aggiungete il tipico accenti brasiliano durante la lettura) è il nome del gruppo di ballo, tradotto “ i fiori profumati”.

Nato nel 2015 per promuovere attraverso le danze tradizionali la cultura brasiliana è un gruppo al femminile tutto di volontarie ma tuttofare “noi ci occupiamo di tutto, cerchiamo le danze, le studiamo, creiamo i costumi e organizziamo le feste per autofinaziarci, ma ci divertiamo molto”
Divertimento è un po’ la parola chiave che guiderà la nostra intervista, sicuramente una chiave di lettura che accompagna Luciana nel suo percorso di vita.
Un incontro a settimana nato perchè in occasione della Festa dei Popoli – una celebrazione delle culture migranti che cade il giorno dell’Epifania – mancava sempre una rappresentazione del Brasile. “Da allora non ci siamo più fermate, ci siamo esibite almeno 20 volte e non solo a Torino, anche a Pinerolo, Rivoli, Alba a volte sono eventi per promuovere la conoscenza dei migranti, a volte sono attività di beneficenza”. Anche a Balon Mundial abbiamo avuto il piacere durante le ultime finali di assistere agli spettacoli delle Flor de Cheiro.

Le Casa di Torino che promuovono la cultura brasiliana.

Per incontrare Luciana e le altre donne del gruppo di ballo basta andare a trovarle a “casa”. Una volta a settimana ai Bagni Pubblici di Via Agliè, la Casa del Quartiere di Barriera di Milano, il gruppo si ritrova per provare le nuove coreografie mentre i costumi sono tutti opera di una danzatrice che in realtà è prima di tutto una sarta “ noi partiamo dalla ricerca di una musica tradizionale di uno stato, poi capiamo il ballo associato, cerchiamo i costumi dell’epoca in cui è nato il ballo e iniziamo a studiarlo. Non sarà mai tutto uguale, qua ci mancano dei materiali e anche la danza la montiamo per renderla più fruibile a tutte e tutte”. Le ragazze sono state spinte e supportate anche da “Casa Brasil”, una delle associazioni di brasiliani più attive sul territorio e coinvolte nelle iniziative per la comunità, come la Festa Junina ogni anno a giugno.
“ma da gennaio ai Bagni Pubblici di via Agliè proponiamo anche delle lezioni di balli tradizionali brasiliani, samba, forrò”, ovviamente causa Covid le lezioni sono al momento sospese.
Una casa importante per molti brasiliani è quella spirituale: in questo periodo difficile molti hanno trovato conforto nella fede e gli amici e i gruppi si sostengono l’un l’altro anche con gruppi di preghiera “virtuali”, condividendo la pratica attraverso Skype o altri social.
“Oggi come sempre ho un po’ di nostalgia del Brasile, ma quando sono in Brasile mi manca l’Italia”. Torinese da vent’anni (anniversario del trasferimento a maggio) Luciana è una portatrice sana di brasilianità a Torino e probabilmente di cultura italiana in Brasile. Cittadina oramai del mondo, speriamo di reincontrarla a breve sui campi di Balon Mundial, agli stand del Food e sui palchi con il gruppo Flor de Cheiro.

 

La scheda 

Nome :                                  Flor de Cheiro

Squadra di Balon Mundial : Brasile

Performance:                       Ballo

Stile:                                      Balli tradizionali regionali 

Dove trovarle:                     Bagni Pubblici di Via Agliè il mercoledì e il venerdì sera

                                             Facebook – Gruppo Folcloristico Brasiliano Flor de Cheiro

La playlist consigliata da Luciana

                                              1)Banda carrapicho. Tic, tic, tac

                                             2)Ivete sangalo chica chica boom chic

                                              3)Alcione Meu Èbano

                                             4)Eliana Pittman Danca do carimbó.