Articoli

Eniola Aluko: perchè sulle discriminazioni siamo decenni indietro

“È duro essere negro. Ti è mai capitato di esserlo? A me sì, una volta, quando ero povero.”

[Larry Holmes, ex pugile professionista]

 

 

Si potrebbe anche chiudere con questa frase il commento alle parole che Eniola Aluko ha lasciato nei giorni scorsi al The Guardian, ma se vogliamo capire le sue dichiarazioni dobbiamo provare ad immaginare il contesto e i protagonisti di questa storia e ricordarci che il razzismo ha le sue origini nei pregiudizi.

Eni Aluko  è cresciuta in Inghilterra, un ambiente dove essere di colore non significa per forza essere povero e dove la discriminazione viene regolarmente denunciata (questo è un dato fortemente affermato dal compianto Mauro Valeri che a capo dell’UNAR denunciava come in Italia le denunce di discriminazioni siano molto inferiori alla Gran Bretagna, non perché nel nostro paese non esista il razzismo, ma perché non fa parte della nostra cultura né per il discriminato né per i testimoni denunciare alle autorità eventuali comportamenti discriminatori).

Eni Aluko è anche una calciatrice di successo, una condizione che in Inghilterra le ha dato uno status di privilegiata e di benestante molto maggiore rispetto alle colleghe italiane. Va sottolineato che Eniola è una giocatrice trentaduenne con una carriera ricca di successi in 3 nazioni diverse e tornerà a giocare nella Premier League femminile, il più importante campionato europeo, in cui il professionismo femminile è riconosciuto da tempo e dove le calciatrici possono ottenere buoni contratti, stipendi competitivi e notorietà grazie alla copertura mediatica. Insomma sono delle celebrità, riconosciute e riconoscibili pubblicamente.

Dunque riassumendo: Eniola è una giovane benestante, una sportiva famosa, ed è cresciuta in un contesto in cui le discriminazioni sono denunciate e sanzionate.

In Italia, dove le discriminazioni sono ancora tollerate e il calcio femminile non ha ancora raggiunto la diffusione che ha in Gran Bretagna, Eniola ha perso il suo “status” di calciatrice che, come lei stessa ha affermato, l’ha difesa negli stadi quando indossava la divisa della Juventus che la rendeva riconoscibile. Fuori dal campo, come in un gioco di ruolo, Eniola ha indossato le vesti di una giovane ragazza di colore che va a fare shopping e qui è emersa la vera discriminazione: nella nostra società non siamo ancora pronti a vedere o immaginare che una persona di colore possa permettersi di andare per negozi, magari anche costosi, a fare shopping.

In Italia è ancora forte il pregiudizio che impone che una persona di colore sia: immigrata e quindi probabilmente povera, sicuramente non adatta e quindi fuori luogo in certi contesti.

E’ questo il forte messaggio che ci manda Eniola e di cui le siamo grati:  “in Italia sono decenni indietro“.

Nella nostra esperienza molti ragazzi con background migratorio con cui abbiamo parlato ci dicono che è normale che se si siedono sul bus vicino a un anziano, quest’ultimo cerchi subito il portafoglio o metta al sicuro la borsetta. E’ quel “normale” che ci deve far paura e che ci dimostra che siamo indietro su tutto: se anche la persona che subisce la discriminazione è talmente satura delle reazioni degli altri al suo passaggio da diventare anestetizzata, arresa al fatto che il cambiamento su questi temi non riguarderà lui o lei.

Eniola invece non ha tollerato, abituata a un contesto molto più sensibile a queste tematiche ha alzato la voce. E per questo dovrebbe essere un esempio.

Siamo certi e sicuri che la nostra città abbia del bello, un forte movimento civile che dal basso e da decenni combatte contro ogni forma di discriminazione, promuove iniziative e nella vita di tutti i giorni sa come confrontarsi con tutte e tutti.

Ma Eniola ci ha solo fornito un indicazione: bravi, continuate così, ma la strada è lunga.

Sappiate che, senza la maglietta della Juventus che mi protegge e rende visibile il mio status,  sono solo una ragazza di colore facile bersaglio dei pregiudizi, che rischia di essere facilmente vittima di discriminazione, quella più subdola, quella non detta, quella che parla attraverso il linguaggio del corpo e degli occhi.

Sostieni Balon Mundial: “Be Different. Non comprare il solito uovo”.

BALON MUNDIAL COMPIE 10 ANNI!!

Lo sapevate che Balon Mundial è il torneo per migranti più partecipato d’Europa?

Organizziamo la manifestazione che fa incontrare migliaia di persone provenienti da più di 40 nazioni. Lo spirito dell’evento è quello del mettersi in gioco, costruendo la Coppa del Mondo delle Comunità Migranti, secondo le regole il fair play, del rispetto dell’altro, contro il razzismo e ogni forma di discriminazione.

PASQUA STA ARRIVANDO!!

Anche quest’anno l’A.S.D. Balon Mundial Onlus lancia una campagna di raccolta fondi per Pasqua. Puoi sostenerci acquistando un buonissimo uovo di cioccolato prodotto dalla cooperativa sociale SpES (Servizio per Esperienze Sociali).

CON LA RACCOLTA SOSTERRAI I DIECI ANNI DEL TORNEO!!

Se lo desideri puoi prenotare le tue uova, il cioccolato è fondente o al latte. Il costo è di 10 euro, per 200 grammi di cioccolata buonissima e solidale!!

Puoi fare il tuo ordine cliccando qui:

Raccolta fondi Balon Mundial Pasqua 2016 – Prenotazione uova

oppure mandare una mail a questo indirizzo:

info@balonmundial.it

ricordando di indicare quante uova al latte e quante uova fondenti.

 

Se vuoi più informazioni sulle nostre attività, visita il nostro sito!

Siamo pari? Calcio femminile e dintorni [Sy yo fuera Maradona]

Il ciclo di incontri ‘Si yo fuera Maradona’, organizzato da Officine Corsare A.S.D. Balon Mundial ONLUS, prosegue l’8 marzo con una serata speciale in collaborazione con Partycillina. Abbiamo scelto di parlare di parità accendendo i riflettori sull’invisibile e sconosciuto mondo del calcio femminile, dando voce e visibilità ad attori e attrici professionisti e amatoriali. Cosa succede dentro e fuori dal campo quando la passione per il pallone si scontra con alcuni dei più radicati e sottili stereotipi della nostra società? Siamo pari?’ Palla al centro”.

OSPITI

Edoardo Brunetti, responsabile comunicazione e marketing Brescia Calcio Femminile. Ex dirigente del settore giovanile del Torino Calcio ed ex responsabile settore Giovanile Ivrea e Pro Vercelli, è stato anche responsabile comunicazione e sviluppo immagine del Torino Calcio Femminile.

Esther Franke, giocatrice e volontaria di Discover Football, associazione Berlinese che si occupa di promozione del calcio femminile in particolare nei paesi del sud del mondo e decostruzione degli stereotipi di genere.

Francesca Gargiulo, giocatrice amatoriale dell’Università di Milano Bicocca, neolaureata in psicologia con una tesi sul calcio femminile

Roberto Marchesi, allenatore squadra amatoriale di calcio a 5 femminile.

Tatiana Zorri, allenatrice del Luserna Calcio Femminile (squadra di serie A) nonché ex giocatrice professionista (ha vinto uno scudetto e due coppe Italia con la Lazio, ha esordito in Nazionale a 15 anni e ha giocato più di 150 partite in Nazionale)

Modera: Stefano Rosso, giornalista sportivo.
Introduce: Cecilia Nessi (Balon Mundial / Officine Corsare)

———
Ingresso libero con tessera Arci
CUCINA APERTA DALLE 20.00!!