Articoli

Balon Mundial, the tournament’s migrant, begins at Colletta

FOOTBALL | Saturday 11 july 2016

The most participated Europe’s tournament turns 10 years old and officially takes off this afternoon at the field of Colletta.

http://www.torinosportiva.it/2016/06/11/leggi-notizia/argomenti/calcio-5/articolo/alla-colletta-inizia-balon-mundial-il-torneo-di-migranti.html

http://www.torinosportiva.it/2016/06/11/leggi-notizia/argomenti/calcio-5/articolo/alla-colletta-inizia-balon-mundial-il-torneo-di-migranti.html

The most participated tournament in Europe achieves 10 years old and the first kick off will be given today, Saturday June 11th at 2pm, in Colletta synthetic field. The first teams to play will be Africa United and Poland, and matches will carry on till July 17th with the big final in Nebiolo field, the event has been postponed of one week, due to the same period of Ramadam.

Today the inauguration will be the right excuse to celebrate with music and singing. What is the news and curiosities about the 2016 edition? Tommaso Pozzato, ASD Balon Mundial chairman, describes the new adventure: “this year for the first time, due to the high requests, we introduced the qualifications. On Sunday June 5th, six applicant refugee teams have been faced each other in two triangular: IusSoli, VT45, UnitedarisingTeam, MoroTeam (made up of Coro Moro, the migrants coming from Lanzo’s valley singing in Piedmontese), Tornado, amisdeNicolas (migrants coming from aosta). Will be participate in the tournament new team: Gambia made up of migrants that have been arrived in the last two years, Guinea e mali to the second participation, Pakistan after two years of absence, with a total renovate team, will be for the first time a mix between migrants and students of Politecnico. In complete will be 38 men’s team and 11 girl’s team, 1000 athletes and more or less one hundred matches. For the time being there will not be cricket, that made a debut the last year, in default of teams that have been experienced about this sport.

Balon Mundial since 2017 things have got to change, the idea is to make it an annual project; we would get involved more others welcome’s projects and make sporting activity for last year not more restrict only the tournament. Throughout Balon Mundial there will be a specialize space to facilitate socialization that is “Food Mundial”. The food is a tool for dialogue, discussion and knowledge. Around fields of Colletta seven community of migrant takes turn and will manage the gastronomic area”.

Translated by Chiara Vivenzi

ORIGINAL IT

 

QUANTO È BELLO BALON MUNDIAL!

“Sabato 11 giugno è iniziato il Balon Mundial. La competizione ha preso il via non solo per le formazioni scese in campo ma anche per me e per tanti altri volontari che hanno deciso di dedicare parte del loro tempo a quest’iniziativa.

Quando ho deciso di partecipare all’evento non avevo ben chiara l’idea di cosa fosse Balon Mundial e di come si svolgesse; ne sono rimasta piacevolmente sorpresa e sono fortemente entusiasta.

La cornice del parco Colletta dà l’idea di una giornata trascorsa con amici come un classico pic-nic di giugno a Torino. Contrariamente a questo però, lungi dal relax tipico del weekend, per i volontari non c’è stato un attimo di tregua e tutti si sono messi all’opera al fine di rendere l’evento piacevole per i giocatori e per il numeroso pubblico che, da subito, ha affollato il bordocampo per supportare la propria squadra.

Ben lontano è Balon Mundial dai classici eventi sportivi e dalle più blasonate sfide calcistiche. Il clima di amicizia e fratellanza, unito alla competizione sana, attraversa il parco lungo tutto il pomeriggio mentre, tra i due campi, si fanno largo le pietanze tipiche di alcune comunità che prendono parte al torneo. La voglia di sperimentare cucina etnica, scoprendone sapori nuovi, grazie anche al dialogo che si instaura con le cuoche li presenti, è molto forte e ben presto ho ceduto alla tentazione. È innegabile quanto il cibo sia fonte di conoscenza, di sapere, di scoperta e quanto attorno ad un piatto si rafforzino i legami tra culture spesso molto diverse tra loro.

Con le squadre in campo gli animi si scaldano dentro e fuori dal rettangolo verde: i calciatori lottano, esultano, soffrono; i supporters gridano, cantano, incitano i loro amici. Io, a bordocampo, entro le recinzioni del terreno di gioco, mi godo lo spettacolo. Posso sentire il rumore della palla che viene calciata, le diverse lingue che si mescolano, vedo il sudore, i sorrisi, la delusione e tanti abbracci a fine partita; sento i complimenti dei vincitori per gli sconfitti e viceversa. Per un’appassionata di calcio come me non esiste momento più bello.

È questo il Balon Mundial, la competizione in campo e gli abbracci lungo la via che porta agli spogliatoi, i tifosi che festeggiano a prescindere dal risultato, donne e uomini che cucinano portando a tavola il sapore della loro terra, i bambini che scorrazzano con il viso colorato, è quel giocatore che mi ha detto “Grazie!” dopo la partita per avergli portato del ghiaccio da posare sul suo ginocchio malandato.

Balon Mundial ci ricorda ogni anno che l’integrazione è una cosa bella e che dietro una partita di calcio, una canzone, un “grazie”, c’è sempre un’occasione per imparare e condividere esperienze.

Io personalmente non vedo l’ora che il prossimo fine settimana arrivi per vivere nuovamente l’avventura di Balon Mundial.”

Antenisca Sapio – Volontaria di Balon Mundial 2016